Pagina principale

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

!!

Iscrizione Newsletter

Iscriviti e avrai notizie aggiornate sull'attivitÓ della proloco e del comune.






Syndication

 
PDF Stampa E-mail

LA TORRE CAMPANARIA
Torre campanaria
Al termine di piazza Colonna, improvvisa, si erge la torre campanaria con la sua massiccia struttura architettonica simile alla torre campanaria della Cattedrale di Isernia.

E’ di forma quadrangolare e risale al 1500. E’ divisa in due piani: al primo si accede attraverso la scala interna alla chiesa parrocchiale; al secondo piano, in quattro grandi aperture ad arco, sono sistemate altrettante campane di cui la più grande ha il peso di tredici quintali.

Dalla facciata della torre che guarda il massiccio del Matese, a coronamento dell’arco a tutto sesto, fuoriescono dalle mura tre teste di animali scolpite in pietra dura del luogo. Poste una a destra, una a sinistra e l’altra al centro, somigliano a teste di leoni che, con aria minacciosa, vogliono incutere timore a chi si accinge a varcare l’arco medievale. Passando sotto l’arco una scritta ricorda Pietro Celestino V papa, eremita e santo.

A seguito della “peregrinatio” delle sacre spoglie del Santo dalla basilica di Collemaggio dell’Aquila in terra molisana nel mese di agosto 1998, si sono riaccese le dispute circa il paese che ha dato i natali a Pietro Angelerio. Tra i tanti dubbi e le poche certezze, ultimamente ha fatto scalpore l’ipotesi di uno studioso altomolisano secondo cui S. Angelo in Grotte avrebbe dato i natali a Pietro Celestino.

 
< Prec.   Pros. >
 

Visitatori


grazie di esserci venuti a trovare!!
325 utenti registrati
0 oggi
0 ultima settimana
0 ultimo mese
ultimo: fodoerflefede

NazionalitÓ visitatori

Totals Top 15
 75 % United States
 9 % France
 7 % Italy
 2 % Germany
 < 1.0 % China
 < 1.0 % Ukraine
 < 1.0 % Poland
 < 1.0 % India
 < 1.0 % Russian Federation
 < 1.0 % Brazil
 < 1.0 % Netherlands
 < 1.0 % Japan
 < 1.0 % Venezuela
 < 1.0 % Unknown
 < 1.0 % Sweden
Google

Click per aprire http://www.ilmeteo.it