Pagina principale

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

!!

Iscrizione Newsletter

Iscriviti e avrai notizie aggiornate sull'attivitÓ della proloco e del comune.






Syndication

 
PDF Stampa E-mail

CRIPTA DELLE OPERE DI MISERICORDIA A S. ANGELO IN GROTTE
di Franco Valente

Quando un paese è dedicato a S. Michele Arcangelo certamente lì attorno vi è una grotta ed altrettanto certamente su quel luogo i longobardi vi eressero una difesa stabile. CriptaCosì è pure per S. Angelo in Grotte dove la tradizione popolare vuole che il Principe degli Arcangeli addirittura avesse deciso di porre una sua residenza terrena. Ma evidentemente S. Michele non voleva essere disturbato e cosi un giorno, quando i suoi fedeli non portarono a termine la processione della sua statua per un improvviso nubifragio facendo rapido ritorno alla grotta, egli si infilò in una fenditura della roccia e se ne volò verso il Gargano, in quel monte che prese il suo nome.

In questa grotta ho disegnato l’altare che oggi accoglie il simulacro dell’Arcangelo nell’atto di sottomettere il ribelle Lucifero, seguendo le sollecitazioni del parroco don Michele che è convinto, come me. che il Principe degli Arcangeli in quel luogo vi faccia spesso ritorno.

Il culto per S. Michele Arcangelo e la particolare forma del territorio che sovrasta la grotta furono i fattori determinanti per la nascita dell’insediamento umano che si aggregò attorno ad una chiesa dedicata al primo successore di Cristo. Chi vuole sapere come fosse la prima chiesa di S. Pietro in Vincoli a S. Angelo in Grotte difficilmente potrà capirlo osservando l’attuale architettura, che è frutto di una serie di trasformazioni e di ampliamenti conseguenti ad incendi, distruzioni belliche, terremoti, incuria degli uomini. Ma, come spesso accade, anche i monumenti più modificati conservano la loro anima come la cenere sopra la brace.

Ed il fuoco perenne della chiesa di S. Pietro in Vincoli è una modestissima cripta che da quasi sette secoli mostra un raro esempio di ciclo completo di affreschi dedicati alle sette opere di misericordia. In realtà in origine le opere di misericordia corporale erano solo quelle sei che vengono elencate da S. Matteo nel suo Vangelo mettendole sulla bocca di Cristo quando, poco prima della sua Passione, anticipa la visione del giudizio finale che sarà ripresa da S. Giovanni nella visione apocalittica: quando verrà il figlio dell’uomo nella sua Maestà con tutti gli Angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E tutte le nazioni saranno radunate davanti a lui, ma egli separerà le pecore dai capri; e metterà le pecore alla sua destra ed i capri alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che sono alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, prendete possesso del regno preparato per voi sin dalla creazione del mondo. Perchè ebbi fame e mi deste da mangiare; ebbi sete e mi deste da bere; fui pellegrino e mi albergaste; ero nudo e mi rivestiste; infermo e mi visitaste; carcerato e veniste a trovarmi”. E poi: “In verità vi dico: ogni volta che avete fatto questo ad uno dei più piccoli di questi miei fratelli, l’avete fatto a me”.

Nel tempo, dopo il Mille, fu aggiunta anche l’opera misericordiosa della sepoltura dei morti e solo dal 1330 si vedono rappresentate nell’arte tutte le sette opere. Perciò è facile desumere che certamente non prima del XIV secolo sono le pitture di S. Angelo in Grotte. Grotta S.MicheleLa cripta non sembra avesse in origine una funzione funeraria, come di solito accade per gli analoghi ambienti sottostanti gli altari, ma fin dall’inizio dovette essere una vera e propria cappella sotterranea dove le pitture potevano essere osservate solo con l’ausilio di una illuminazione artificiale. La parete che avvolge l’ambiente con una volta a sesto ribassato è riquadrata da cornici che accolgono finte lastre marmoree con intarsi multicolori, tutti diversi tra loro.

La fascia mediana è occupata dalla serie di rappresentazioni che richiamano, una per una le sette opere di misericordia corporale, partendo dal piccolo altare lungo la parete destra, per finire sulla parete di sinistra dove appare, l’ultimo quadro, la visione della città di Betleem e l’immagine di un astro radiante dal volto umano, forse simbolo della stella cometa: “E tu, Betleem, terra di Giuda, non sei certo la minore delle città di Giuda, perchè da te uscirà un capo che guiderà Israele, mio popolo”.

 

 
< Prec.
 

Visitatori


grazie di esserci venuti a trovare!!
325 utenti registrati
0 oggi
0 ultima settimana
0 ultimo mese
ultimo: fodoerflefede

NazionalitÓ visitatori

Totals Top 15
 75 % United States
 9 % France
 7 % Italy
 2 % Germany
 < 1.0 % China
 < 1.0 % Ukraine
 < 1.0 % Poland
 < 1.0 % India
 < 1.0 % Russian Federation
 < 1.0 % Brazil
 < 1.0 % Netherlands
 < 1.0 % Japan
 < 1.0 % Venezuela
 < 1.0 % Unknown
 < 1.0 % Sweden
Google

Click per aprire http://www.ilmeteo.it